4 alimenti per combattere il colesterolo

hamburger patatine colesterolo

Se il vostro problema è il colesterolo alto, un valido aiuto non farmacologico potrebbe essere rappresentato da alcuni elimenti. Vediamone alcuni.

I pistacchi combattono il colesterolo cattivo

Lo affermano i ricercatori dell’Università della Pennsylvania, i quali concludono che mangiare una sola manciata di pistacchi ogni giorno può aiutare a diminuire il cosiddetto colesterolo cattivo.

Tutto questo grazie all’alto contenuto di antiossidanti, che agirebbero impedendo al sopracitato colesterolo cattivo di attaccare i vasi sanguigni, mantenendoli, conseguentemente, sani. Ovviamente è necessario non esagerare con questa frutta secca perché, come tutti sanno, è molto calorica.

Mangiare mele per perdere peso e abbassare il colesterolo cattivo

La risposta sta sempre nell’alimentazione corretta. Ecco perché, anche per combattere minacce pericolose quali il colesterolo alto, possiamo decidere di variare gli alimenti da assumere durante la giornata, scegliendo quelli più adatti allo scopo.

Tra questi troviamo la mela, frutto semplice e genuino, oltre che gustoso.
A dirlo è una ricerca condotta dalla Florida State University, secondo la quale il sopracitato frutto non sarebbe utile solo per abbassare il colesterolo, ma anche per perdere peso.

La conclusione è giunta dopo una ricerca che ha preso in considerazione 160 donne tra i 45 e i 68 anni. Consumando per un anno 75gr di mele essiccate al giorno, le volontarie sono arrivate a perdere in media 1,5 kg, oltre ad abbassare del 23% il colesterolo cattivo. Insomma, si tratta di risultati sorprendenti! Essendo poi la mela un frutto così diffuso, non possiamo che tentare: sicuramente una mela al giorno non ci farà male!

Noci Pecan per combattere il colesterolo

Le proprietà delle noci sono state decantate in lungo e in largo: fanno bene al cuore, alla pressione e anche alla vista, grazie all’alta concentrazione di acidi grassi.

Tuttavia oggi voglio parlare di una varietà particolare di noce, poiché è proprio su questa che si è basato lo studio poi pubblicato sul Journal of Nutrition. In particolare si tratta della varietà Pecan che, secondo la sopracitata ricerca, è in grado di ridurre di molto i livelli di colesterolo cattivo nel sangue.

Questo perché la Noce Pecan possiede un’alta concentrazione di antiossidanti capaci di agire proprio contro il colesterolo LDL. Insomma, poiché sono anche gustose, si tratta di un bel modo di combattere il colesterolo, no?

Come sempre, però, si raccomanda prudenza poiché le noci contengono moltissime calorie e bisogna quindi mangiarle con moderazione, soprattutto se non si vuole ingrassare.

Un bicchiere di vino rosso a tavola per combattere il colesterolo

Non tutti gli alcolici vengono per nuocere, soprattutto se si tratta di vino rosso.
In effetti, una ricerca condotta dall’INRAN, dalla Fondazione Edmund Mach- Istituto Agrario San Michele all’Adige e dell’Università La Sapienza, ha sentenziato che il vino rosso ha la capacità di ridurre i grassi e la percentuale di colesterolo nel sangue.

I ricercatori, nel corso dell’osservazione dei soggetti volontari coinvolti e nelle successive analisi ha notato che assuere 300 ml di vino rosso durante i pasti evita che nel sangue aumentino i lipidi e i loro derivati, dannosi per la salute dell’organismo.

Questo perché, spiegano i dottori, la giusta dose di antiossidanti presenti nel vino ha la capacità di colpire i grassi in più che introduciamo con l’alimentazione, creando una barriera per il nostro corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *