Geranio, pianta officinale dalle tante qualità

Geranio

Non tutti sanno che il geranio è una pianta officinale perenne che appartiene alla famiglia delle Geraniace. Comprende circa 250 specie di piante suffruticose o arbustive e il suo nome meno comune è Pelargonium odoratissimum.

La fioritura, che va dalla primavera all’autunno, è seguita dalla produzione di bacche caratterizzate da un lungo becco alla sommità. Il geranio è originario delle zone desertiche dell’Africa australe, ma alcune specie sono originarie dell’Oceano Indiano e della Siria.

Le proprietà del geranio

Le proprietà terapeutiche del geranio sono stata sfruttate sin dall’antichità: in passato veniva utilizzata, infatti, come pianta officinale per la cura di diverse patologie. I suoi benefici sono dovuti alla presenza di principi attivi come il geraniolo, il citronellolo e il linalolo, che le conferiscono proprietà antinfiammatorie, antisettica e lenitive.

Questa pianta ha un’essenza molto fresca e dolce ed è molto efficace per riequilibrare il sistema nervoso: riesce a calmare in caso di agitazione o eccitabilità dei bambini e dà benefici anche in caso di stress.

Il Geranio viene utilizzato soprattutto in caso di ferite, herpes, ulcere, stomatiti, cellulite e ritenzione idrica, attraverso l’applicazione di qualche goccia di assenza della pianta da massaggiare con delicatezza. Massaggiare sul basso ventre dell’olio essenziale di geranio, per esempio, aiuta a rilassare le contrazioni uterine nella fase di ovulazione e durante il ciclo mestruale.

Si può usare qualche goccia di olio essenziale in una crema neutra per prevenire geloni su mani e piedi, ma può essere anche vaporizzato con un diffusore per ambiente. Applicato su un fazzoletto in modo da facilitarne l’inalazione, compie un’azione purificante. Per tale motivo, viene anche consigliato nelle stanze dei malati.

Il geranio è una pianta molto utilizzata anche in cosmetica, sempre sotto forma di olio essenziale di geranio, preferito ad altre piante officinali per la sua azione sebo-regolatrice. Viene adoperato come tonico per pelli grasse e impure, astringente, disinfettante e cicatrizzante, per curare l’acne e i rossori.

Ottimo rimedio anche per bruciature, vesciche, eczema, stimola la circolazione e il sistema linfatico diventando un grande alleato contro smagliature e cellulite.

Grazie alla sua azione lenitiva è usato anche per il mal di gola e per la tosse. Inoltre, studi recenti hanno constatato che gli estratti della sua radice riescono a contrastare il batterio Helicobacter pylori, impedendogli di infettare le cellule dello stomaco e provocare gastrite.

Come utilizzare l’olio essenziale di geranio

A secondo del tipo di utilizzo ci sono delle dosi precise da tener conto e dei procedimenti da seguire: vediamo quali.

Da diffondere nell’ambiente

In questo caso, utilizzare una goccia di olio essenziale di geranio per ogni metro quadrato dell’ambiente in cui si deve diffondere, utilizzando un bruciatore di oli essenziali. Ottimo rimedio naturale contro le zanzare.

Da utilizzare per gargarismi

Se si vuole realizzare una lozione per gargarismi bisogna prendere un bicchiere d’acqua a temperatura ambiente e mettere 6 gocce di olio essenziale di geranio. Da utilizzare per effettuare gargarismi in caso di infiammazioni della bocca e mal di gola.

Per uso cosmetico

Aggiungere otto gocce di olio essenziale di geranio in 200 ml di acqua; in seguito, con una garza sterile, fare degli impacchi su acne e foruncoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *